Collana: Tascabili Bompiani 25 страница

Collana: Tascabili Bompiani 25 страница

All'incrocio di via Salaria con via Po, girai in direzione del corso d'Italia ma subito mi accorsi che giravo solo, perché Poldino e gli altri si dirigevano verso piazza Quadrata. Mi fermai, sperduto, gridai: "Dove andate? di qui." Poldino si fermò anche lui e rispose: "Andiamo al Tevere, a fare un bagno."

"Ma che, siete matti?" E lui, con disprezzo: "Il matto sei tu con quei capelli bianchi, vestito di celeste, come un pagliaccio." Le ragazze ridevano e io mi vergognai, e, sebbene dalla rabbia mi sentissi anche di ammazzarlo, mi rassegnai una volta di più.

Prendemmo per via Po Collana: Tascabili Bompiani 25 страница, facemmo tutto viale Liegi, piazza Ungheria, tutto viale Parioli. Ormai era Poldino a condurre la carovana e io venivo per ultimo, anche perché ci ho il fiato corto e loro adesso andavano di volata. Adesso il titolo dei film si leggeva in questo modo: "Vinci Tatarzan Di Lari" che non significa proprio niente; e i passanti sui marciapiedi, si fermavano a guardare quei cinque ragazzi con quelle due sgualdrinelle in canna che correvano a perdifiato, vestiti di celeste e inseguiti da un vecchio anche lui vestito di celeste; e scuotevano la testa e ridevano. Loro poi Collana: Tascabili Bompiani 25 страница, adesso urlavano il verso di Tarzan come se fossero stati davvero in una foresta e non sotto i platani di una strada di Roma. Da piazza Santiago del Cile, comincia la discesa, e mi distaccarono, così che, alla fine, giunsi solo all'Acquacetosa. Persi strada un paio di volte, tornai indietro, finalmente mi parve di vederli lontano, che sfilavano per un sentiero, lungo la sponda del fiume. Furente, fradicio di sudore, mi slanciai in quella direzione.

Avevano scelto un punto dove la sponda del Tevere si allarga come una piattaforma naturale, sabbiosa e tutta coperta di cespugli. Il Tevere, l Collana: Tascabili Bompiani 25 страницаì, fa una svolta che sembra un serpe, e sull'altra sponda si vede una di quelle reti a ruota che vanno su e giù per forza di corrente. Li trovai che avevano gettato in terra biciclette, cartelloni e ogni cosa e giа si spogliavano. Le due ragazze, almeno, si erano nascoste dietro un cespuglio, loro neppure si nascondevano. Saltai giù dalla bicicletta e, furioso, corsi addosso a Poldino che stava levando le gambe fuori dai pantaloni e gli gridai: "Mascalzone, questa è la tua coscienza, eh?" Ma lui arrogante: "Ma che vuoi? Si può sapere che vuoi? Me lo dici che vuoi Collana: Tascabili Bompiani 25 страница?" Ad ogni "che vuoi" mi dava una manata al petto, proprio sotto la gola, con una sola mano perché con l'altra si reggeva le mutande; e io, un po' per l'affanno della corsa, un po' per l'etа, mi sentivo vacillare sulle gambe, e alla fine, ad un quarto urtone, andai per terra. Subito, come ad un segnale, si sfrenarono. Le ragazze vennero fuori dal loro cespuglio tenendosi per mano, in sottoveste bianca di cotone, poco belle a dire il vero, perché, come ho giа detto, erano basse e tarchiate, strette di petto ma Collana: Tascabili Bompiani 25 страница di fianchi robusti, come appunto tutte le mendicanti e vagabonde che mangiano poco e camminano molto; e gli altri cinque, come a un ballo, vennero loro incontro reggendosi le mutande con le mani. Cominciarono a ballare tra i cespugli, poi presero a correre e ad inseguirsi. Poldino gridava: "Sono Tarzan... ora ti acchiappo e ti porto via", e ruggendo come Tarzan rincorreva la bruna che era una pietа vederlo, la metа giusta di lei, bianco, sparuto, gracile. Finalmente a salti e a corse, andarono al fiume e si gettarono tutti nell'acqua, uno dopo l'altro.

Sulla riva non ci rimasi Collana: Tascabili Bompiani 25 страница che io, a sorvegliare le tute azzurre e i cenci femminili, io, vestito di celeste e coi capelli bianchi, come un pagliaccio, e la faccia di disoccupato cronico e la sigaretta nazionale mezza vuota tra le labbra che mi tremavano.

Ero mortificato, quasi da piangere; e se da una parte odiavo loro per avermi trattato in quel modo, dall'altra odiavo me stesso per non aver avuto il coraggio di liberarmi del senso del dovere. Ancora adesso, che non c'era più niente da fare, guardandoli che nuotavano felici in mezzo al Tevere, non potevo fare a meno di domandarmi Collana: Tascabili Bompiani 25 страница ansioso: "Che diranno all'agenzia?;" e mi arrabbiavo di provare questo timore e al tempo stesso non potevo fare a meno di provarlo. Avrei voluto essere come loro e gettarmi anch'io nell'acqua, e fare anch'io il verso di Tarzan, scherzando con le due ragazze. Ma ero vecchio e avevo il senso del dovere e non c'era più niente da fare.



Fortunati in tutto, sguazzarono nell'acqua finché il cielo non si fece nero e le prime gocciole non accapponarono le acque gialle del Tevere. Allora uscirono dall'acqua e Poldino gridò che quella Collana: Tascabili Bompiani 25 страница pioggia ci voleva: così, se gli avessero fatto osservazione, avrebbero potuto dire che erano stati costretti a ripararsi. Una delle ragazze, come si fu vestita, si avvicinò a me e mi domandò una sigaretta. Gliela diedi e allora anche la bionda ne volle una, e poi tutti e cinque i ragazzi anche loro e così rimasi senza sigarette, ma facemmo pace.

Intanto le nuvole, dopo quelle poche gocciole, erano passate sul Tevere e si erano allontanate verso la campagna. Ci rimettemmo in fila, secondo il titolo del film, e ci avviammo lungo l'argine, verso l'Acquacetosa. Qui le due Collana: Tascabili Bompiani 25 страница ragazze presero l'autobus e noi risalimmo per viale Parioli. Poco più tardi, a passo di funerale, sfilavamo tra le macchine di lusso e i caffè, nel mezzo di via Veneto.

ROMOLO E REMO

L'urgenza della fame non si può paragonare a quella degli altri bisogni. Provatevi a dire ad alta voce: "Mi serve un paio di scarpe... mi serve un pettine... mi serve un fazzoletto", tacete un momento per rifiatare, e poi dite: "Mi serve un pranzo", e sentirete subito la differenza. Per qualsiasi cosa potete pensarci su, cercare, scegliere, magari rinunziarci, ma il momento che confessate a voi Collana: Tascabili Bompiani 25 страница stesso che vi serve un pranzo, non avete più tempo da perdere. Dovete trovare il pranzo, se no morirete di fame. Il cinque ottobre di quest'anno, a mezzogiorno, a piazza Colonna, sedetti sulla ringhiera della fontana e dissi a me stesso: "Mi serve un pranzo." Da terra dove, durante questa riflessione, volgevo gli occhi, levai gli sguardi al traffico del Corso e lo vidi tutto annebbiato e tremolante: non mangiavo da più di un giorno e, si sa, la prima cosa che succede quando si ha fame è di vedere le cose affamate, cioè vacillanti e deboli come Collana: Tascabili Bompiani 25 страница se fossero esse stesse, appunto, ad aver fame. Poi pensai che dovevo trovare questo pranzo, e pensai che se aspettavo ancora non avrei più avuto la forza neppure di pensarci, e cominciai a riflettere sulla maniera di trovarlo al più presto. Purtroppo, quando si ha fretta non si pensa nulla di buono. Le idee che mi venivano in mente non erano idee ma sogni: "Salgo in un tram... borseggio un tale... scappo;" oppure: "Entro in un negozio, vado alla cassa, afferro il morto... scappo." Mi venne quasi il panico e pensai: "Perduto per perduto, tanto vale che Collana: Tascabili Bompiani 25 страница mi faccia arrestare per oltraggio alla forza pubblica... in questura una minestra me la danno sempre." In quel momento un ragazzo, accanto a me, ne chiamò un altro: "Romolo". Allora, a quel grido, mi ricordai di un altro Romolo che era stato con me sotto le armi. Avevo avuto, allora, la debolezza di raccontargli qualche bugia: che al paese ero benestante mentre non sono nato in alcun paese bensì presso Roma, a Prima Porta. Ma, adesso, quella debolezza mi faceva comodo. Romolo aveva aperto una trattoria dalle parti del Pantheon. Ci sarei andato e avrei mangiato il pranzo di Collana: Tascabili Bompiani 25 страница cui avevo bisogno. Poi, al momento del conto, avrei tirato fuori l'amicizia, il servizio militare fatto insieme, i ricordi... Insomma, Romolo non mi avrebbe fatto arrestare.

Per prima cosa andai alla vetrina di un negozio e mi guardai in uno specchio. Per combinazione, mi ero fatto la barba quella mattina con il rasoio e il sapone del padrone di casa, un usciere di tribunale che mi affittava un sottoscala. La camicia, senza essere proprio pulita, non era indecente: soltanto quattro giorni che la portavo. Il vestito, poi, grigio spinato, era come nuovo: me l'aveva dato una buona signora il cui Collana: Tascabili Bompiani 25 страница marito era stato mio capitano in guerra. La cravatta, invece, era sfilacciata, una cravatta rossa che avrа avuto dieci anni. Rialzai il colletto e rifeci il nodo in modo che la cravatta, adesso, aveva una parte lunghissima e una parte corta. Nascosi la parte corta sotto quella lunga e abbottonai la giacca fino al petto. Come mi mossi dallo specchio, forse per lo sforzo di attenzione con cui mi ero guardato, la testa mi girò e andai a sbattere contro una guardia ferma sull'angolo del marciapiedi. "Guarda dove vai" disse, "che sei ubriaco?" Avrei voluto rispondergli: "S Collana: Tascabili Bompiani 25 страницаì, ubriaco di appetito." Con passo vacillante mi diressi verso il Pantheon.

Sapevo l'indirizzo, ma quando lo trovai non ci credevo. Era una porticina in fondo a un vicolo cieco, a due passi da quattro o cinque pattumiere colme. L'insegna color sangue di bue portava scritto: "Trattoria, cucina casalinga"; la vetrina, anch'essa dipinta di rosso, conteneva in tutto e per tutto una mela. Dico una mela e non scherzo. Cominciai a capire, ma ormai ero lanciato ed entrai. Una volta dentro, capii tutto e la fame per un momento mi si raddoppiò di smarrimento. Però mi feci Collana: Tascabili Bompiani 25 страница coraggio e andai a sedermi a uno qualsiasi dei quattro o cinque tavoli, nella stanzuccia deserta in penombra.

Una stoffetta sporca, dietro il banco, nascondeva la porta che dava sulla cucina. Picchiai con il pugno sul tavolo: "Cameriere!" Subito ci fu un movimento in cucina, la stoffetta si alzò, apparve e scomparve una faccia in cui riconobbi l'amico Romolo. Aspettai un momento, picchiai di nuovo. Questa volta lui si precipitò di fuori abbottonandosi in fretta una giacca bianca tutta sfrittellata e sformata. Mi venne incontro con un "comandi" premuroso, pieno di speranza, che mi strinse il cuore. Ma Collana: Tascabili Bompiani 25 страница ormai ero nel ballo e bisognava ballare. Dissi: "Vorrei mangiare." Lui incominciò a spolverare il tavolo con uno straccio, poi si fermò e disse guardandomi: "Ma tu sei Remo..."

"Ah, mi riconosci", feci, con un sorriso.

"E come se ti riconosco... non eravamo insieme sotto le armi? Non ci chiamavano Romolo Remo e la Lupa per via di quella ragazza che corteggiavamo insieme?" Insomma: i ricordi. Si vedeva che lui tirava fuori i ricordi non perché mi fosse affezionato ma perché ero un cliente. Anzi, visto che nella trattoria non c'era nessuno, il cliente. Di clienti doveva averne pochi Collana: Tascabili Bompiani 25 страница e anche i ricordi potevano servire a farmi buona accoglienza.

Mi diede alla fine una manata sulla spalla: "Vecchio Remo;" poi si voltò verso la cucina e chiamò: "Loreta." La stoffa si alzò e apparve una donnetta corpulenta, in grembiale, con la faccia scontenta e diffidente. Lui disse, indicandomi: "Questo è Remo di cui ti ho tanto parlato." Lei mi fece un mezzo sorriso e un gesto di saluto; dietro di lei si affacciavano i figli, un maschietto e una bambina. Romolo continuò: "Bravo, bravo... proprio bravo." Ripeteva: "Bravo" come un pappagallo: era chiaro che aspettava che ordinassi Collana: Tascabili Bompiani 25 страница il pranzo. Dissi: "Romolo, sono di passaggio a Roma... faccio il viaggiatore di commercio... siccome dovevo mangiare in qualche luogo, ho pensato: perché non andare a mangiare dall'amico Romolo?"

"Bravo" disse lui, "allora che facciamo di buono: spaghetti?"

"Si capisce."

"Spaghetti al burro e parmigiano... ci vuole meno a farli e sono più leggeri... e poi che facciamo? Una buona bistecca? Due fettine di vitella? Una bella lombatina? Una scaloppina al burro?"

Erano tutte cose semplici, avrei potuto cucinarle da me, su un fornello a spirito. Dissi, per crudeltа: "Abbacchio... ne hai abbacchio?"

"Quanto mi rincresce... lo facciamo per Collana: Tascabili Bompiani 25 страница la sera."

"E va bene... allora un filetto con l'uovo sopra... alla Bismarck."

"Alla Bismarck, sicuro... con patate?"

"Con insalata."

"Sì, con insalata... e un litro, asciutto, no?"

"Asciutto."

Ripetendo: "asciutto", se ne andò in cucina e mi lasciò solo al tavolino. La testa continuava a girarmi dalla debolezza, sentivo che facevo una gran cattiva azione; però, quasi quasi, mi faceva piacere di compierla. La fame rende crudeli: Romolo era forse più affamato di me e io, in fondo, ci avevo gusto. Intanto, in cucina, tutta la famiglia confabulava: udivo lui che parlava a bassa voce Collana: Tascabili Bompiani 25 страница, pressante, ansioso; la moglie che rispondeva, malcontenta. Finalmente, la stoffa si rialzò e i due figli scapparono fuori, dirigendosi in fretta verso l'uscita. Capii che Romolo, forse, non aveva in trattoria neppure il pane. Nel momento che la stoffa si rialzò, intravidi la moglie che, ritta davanti il fornello, rianimava con la ventola il fuoco quasi spento. Lui, poi, uscì dalla cucina e venne a sedersi davanti a me, al tavolino.

Veniva a tenermi compagnia per guadagnar tempo e permettere ai figli di tornare con la spesa. Sempre per crudeltа, domandai: "Ti sei fatto un localetto proprio carino Collana: Tascabili Bompiani 25 страница... beh, come va?" Lui rispose, abbassando il capo: "Bene, va bene... si capisce c'è la crisi... oggi, poi, è lunedì... ma di solito, qui non si circola."

"Ti sei messo a posto, eh."

Mi guardò prima di rispondere. Aveva la faccia grassa, tonda, proprio da oste, ma pallida, disperata e con la barba lunga. Disse: "Anche tu ti sei messo a posto." Risposi, negligente: "Non posso lamentarmi... le mie cento centocinquantamila lire al mese le faccio sempre... lavoro duro, però."

"Mai come il nostro."

"Eh, che sarа... voialtri osti state sul velluto: la gente può fare a meno di tutto ma mangiare Collana: Tascabili Bompiani 25 страница deve... scommetto che ci hai anche i soldi da parte."

Questa volta tacque, limitandosi a sorridere: un sorriso proprio straziante, che mi fece pietа. Disse finalmente, come raccomandandosi: "Vecchio Remo... ti ricordi di quando eravamo insieme a Gaeta?" Insomma, voleva i ricordi perché si vergognava di mentire e anche perché, forse, quello era stato il momento migliore della sua vita. Questa volta mi fece troppa compassione e lo accontentai dicendogli che ricordavo. Subito si rianimò e prese a parlare, dandomi ogni tanto delle manate sulle spalle, perfino ridendo. Rientrò il maschietto reggendo con le due mani, in punta di Collana: Tascabili Bompiani 25 страница piedi, come se fosse stato il Santissimo, un litro colmo. Romolo mi versò da bere e versò anche a se stesso, appena l'ebbi invitato. Col vino diventò ancor più loquace, si vede che anche lui era digiuno. Così chiacchierando e bevendo, passarono un venti minuti, e poi, come in sogno, vidi rientrare anche la bambina. Poverina: reggeva con le braccine, contro il petto, un fagotto in cui c'era un po' di tutto: il pacchetto giallo della bistecca, l'involtino di carta di giornale dell'uovo, lo sfilatino avvolto in velina marrone, il burro e il Collana: Tascabili Bompiani 25 страница formaggio chiusi in carta oliata, il mazzo verde dell'insalata e, così mi parve, anche la bottiglietta dell'olio. Andò dritta alla cucina, seria, contenta; e Romolo, mentre passava, si spostò sulla seggiola in modo da nasconderla. Quindi si versò da bere e ricominciò coi ricordi. Intanto, in cucina, sentivo che la madre diceva non so che alla figlia, e la figlia si scusava, rispondendo piano: "Non ha voluto darmene di meno." Insomma: miseria, completa, assoluta, quasi quasi peggio della mia.

Ma avevo fame e, quando la bambina mi portò il piatto degli spaghetti, mi ci buttai sopra senza rimorso; anzi, la Collana: Tascabili Bompiani 25 страница sensazione di sbafare alle spalle di gente povera quanto me, mi diede maggiore appetito. Romolo mi guardava mangiare quasi con invidia, e non potei fare a meno di pensare che anche lui, quegli spaghetti, doveva permetterseli di rado. "Vuoi provarli?" proposi. Scosse la testa come per rifiutare, ma io ne presi una forchettata e gliela cacciai in bocca. Disse. "Sono buoni, non c'è che dire", come parlando a se stesso.

Dopo gli spaghetti, la bambina mi portò il filetto con l'uovo sopra e l'insalata, e Romolo, forse vergognandosi di stare a contarmi i bocconi, tornò in cucina Collana: Tascabili Bompiani 25 страница. Mangiai solo, e, mangiando, mi accorsi che ero quasi ubriaco dal mangiare. Eh, quanto è bello mangiare quando si ha fame. Mi cacciavo in bocca un pezzo di pane, ci versavo sopra un sorso di vino, masticavo, inghiottivo. Erano anni che non mangiavo tanto di gusto.

La bambina mi portò la frutta e io volli anche un pezzo di parmigiano da mangiare con la pera. Finito che ebbi di mangiare, mi sdraiai sulla seggiola, uno stecchino in bocca e tutta la famiglia uscì dalla cucina e venne a mettersi in piedi davanti a me, guardandomi come un Collana: Tascabili Bompiani 25 страница oggetto prezioso. Romolo, forse per via che aveva bevuto, adesso era allegro e raccontava non so che avventura di donne di quando eravamo sotto le armi. Invece la moglie, il viso unto e sporco di una ditata di polvere di carbone, era proprio triste. Guardai i bambini: erano pallidi, denutriti, gli occhi più grandi della testa. Mi venne ad un tratto compassione e insieme rimorso. Tanto più che la moglie disse: "Eh, di clienti come lei, ce ne vorrebbero almeno quattro o cinque a pasto... allora sì che potremmo respirare."

"Perché?" domandai facendo l'ingenuo "non viene gente?"

"Qualcuno viene Collana: Tascabili Bompiani 25 страница" disse lei "soprattutto la sera... ma povera gente: portano il cartoccio, ordinano il vino, poca roba, un quarto, una foglietta... la mattina, poi, manco accendo il fuoco, tanto non viene nessuno."

Non so perché queste parole diedero sui nervi a Romolo. Disse: "Aho, piantala con questo piagnisteo... mi porti iettatura."

La moglie rispose subito: "La iettatura la porti tu a noi... sei tu lo iettatore... tra me che sgobbo e mi affanno e tu che non fai niente e passi il tempo a ricordarti di quando eri soldato, lo iettatore chi è?"

Tutto questo se lo dicevano mentre io, mezzo Collana: Tascabili Bompiani 25 страница intontito dal benessere, pensavo alla migliore maniera per cavarmela nella faccenda del conto. Poi, provvidenziale, ci fu uno scatto da parte di Romolo: alzò la mano e diede uno schiaffo alla moglie. Lei non esitò: corse alla cucina, ne riuscì con un coltello lungo e affilato, di quelli che servono ad affettare il prosciutto. Gridava: "Ti ammazzo" e gli corse incontro, il coltello alzato. Lui, atterrito, scappò per la trattoria, rovesciando i tavoli e le seggiole. La bambina intanto era scoppiata in pianto; il maschietto era andato anche lui in cucina e adesso brandiva un mattarello, non so se Collana: Tascabili Bompiani 25 страница per difendere la madre o il padre. Capii che il momento era questo o mai più. Mi alzai, dicendo: "Calma, che diamine... calma, calma;" e ripetendo: "Calma, calma" mi ritrovai fuori della trattoria, nel vicolo. Affrettai il passo, scantonai; a piazza del Pantheon ripresi il passo normale e mi avviai verso il Corso.

FACCIA DA NORCINO

Quell'inverno tutto mi andava bene: feci un affare di rottami di ferro e guadagnai; poi un secondo affare di laterizi e guadagnai di nuovo; poi un terzo affare di medicinali americani e guadagnai ancora. Mi comperai due vestiti, uno blu a righe e Collana: Tascabili Bompiani 25 страница uno di flanella grigia, due paia di scarpe, nere e gialle, un cappotto fantasia, una dozzina di camicie di seta col monogramma e calzini assortiti. Alla mamma, regalai un taglio di seta nera e un servizio di porcellana per sei: un'occasione cinese, con un disegno tanto bello di fiori e di dragoni. A mio fratello non diedi nulla perché disse che non voleva nulla da me, era disoccupato e ce l'aveva con me perché guadagnavo. A mia sorella comperai uno di quegli ombrellini piccolissimi, di acciaio, che si piegano e diventano grandi come ventagli. Poi mi Collana: Tascabili Bompiani 25 страница comperai una macchina, di tipo sportivo, rossa; e questo fu l'acquisto che mi diede maggiore soddisfazione perché alla macchina ci tiravo da quando ero ragazzo. Insomma non mi mancava più nulla, avevo denaro quanto ne volevo, fumavo sigarette americane, andavo al cinema tutti i giorni. Però mi annoiavo, e sentivo che qualche cosa invece mi mancava, e capii ben presto che mi mancava una ragazza. Non sono affatto brutto sebbene sia bassino: biondo, con la faccia bianca e rossa, gli occhi celesti. Da bambino, la mamma diceva che rassomigliavo tutto il Bambin Gesù; poi, crescendo, cambiai un poco per via Collana: Tascabili Bompiani 25 страница che ho il naso con le narici scoperte e la bocca un po' storta; così che gli amici, chissа perché, presero presto a chiamarmi "il norcino". Comunque, non sono brutto, come ho detto; ma siccome mi davo sempre dattorno per il commercio, alle ragazze avevo sinora dedicato poco tempo; e si sa che con le donne ci vuole tempo e denaro. Adesso il denaro ce l'avevo e anche il tempo. Così decisi di trovarmi una ragazza.

Presi a cercarla. La mattina verso mezzogiorno uscivo in macchina e correvo ai quartieri alti. Passavo e ripassavo su e giù per Collana: Tascabili Bompiani 25 страница via Veneto e poi percorrevo in lungo e in largo Villa Borghese, via Pinciana, il Muro Torto. Pensavo giustamente che quelli fossero i luoghi migliori per appostare le donne, prima di tutto perché le belle ragazze di Roma vanno tutte lì a farsi vedere e a pavoneggiarsi coi vestiti nuovi, e poi perché sono luoghi larghi, poco frequentati, dove una macchina può seguire una donna e la donna accettare di salirci senza dare nell'occhio. Seguivo, dunque, ora una ragazza ora un'altra, con la macchina, a passo d'uomo, e, ad un punto propizio, spalancavo lo sportello e dicevo Collana: Tascabili Bompiani 25 страница sporgendomi: "Signorina, permette che l'accompagni" o qualche cosa di simile. Ci credereste? Mai nessuna accettò. Certune tiravano avanti come se non mi avessero né veduto né udito; altre rispondevano seccamente: "No, grazie, preferisco camminare;" altre ancora, più sgarbate: "Mi lasci in pace o chiamo una guardia." Una mi disse, un giorno: "Pappagallo della strada", che vuol dire appunto un uomo che dа fastidio alle donne per la strada. Una seconda, addirittura, mi apostrofò così: "Tu, con quella faccia da norcino...;" e questo mi meravigliò perché non poteva sapere che anche gli amici mi chiamavano in quel Collana: Tascabili Bompiani 25 страница modo. Tanto che, tornato a casa, mi guardai allo specchio domandandomi come fossero le facce da norcino e poi anche ne parlai alla mamma, però senza dire che ero io, e lei mi rispose: "Eh, i norcini sono roba vecchia... roba d'altri tempi... d'inverno vendevano carne di maiale e d'estate cappelli di paglia e pagliette... roba vecchia.. oggi li chiamano pizzicagnoli."

Intanto era venuto l'autunno, anzi si era giа alla fine di novembre e un momento pioveva e un momento c'era il sole e io capivo che ormai la stagione buona stava per finire e Collana: Tascabili Bompiani 25 страница di ragazze non se ne sarebbe più parlato fino a primavera perché d'inverno fa freddo e piove e le donne stanno tappate in casa. Mi arrovellavo, però, perché, a tutti i costi, l'inverno senza ragazza non volevo passarlo. Una mattina, dopo aver perlustrato al solito via Veneto non so quante volte, giа mi rassegnavo a tornare in Prati, dove abito, per Villa Borghese e piazza del Popolo, quando, nel viale che porta a piazzale Flaminio, mi parve di vedere quel che faceva al caso mio. Camminava sola, involtata in uno di quegli impermeabili trasparenti che sembrano Collana: Tascabili Bompiani 25 страница di cellophane, e, così da lontano, mi parve graziosa. Ma come mi fermai e aprii lo sportello dicendo "Signorina vuole che l'accompagni?", e lei si voltò per guardarmi, dico la veritа quasi mi pentii di averla interpellata. Non che fosse brutta, al contrario, ma aveva una faccia di furba sfrontata che non mi disse nulla di buono. Aveva una foresta di capelli neri e crespi, gli occhi tondi, a fior di pelle, come di vetro, il naso un po' da negra, a ricciolo, le labbra grosse e niente mento. Disse subito: "Accompagnarmi dove?" e la voce era rauca e confidenziale Collana: Tascabili Bompiani 25 страница, con l'accento romanesco, proprio di Ponte. "Dove vuole lei" risposi intimidito. Lei, allora, strascicando la voce, lagnosa: "Ho fatto tardi e abito tanto lontano e la mamma ormai non mi aspetta più... perché non andiamo a mangiare?" Intanto io avevo avuto il tempo di ricredermi, e, sembrandomi che mi piacesse, le feci cenno di salire. Lei non si fece pregare: "Veramente non avrei dovuto accettare" disse assestandosi "ma lei sembra una persona distinta.. non creda però che con un altro avrei accettato." Io le dissi accendendo il motore: "Mi chiamo Attilio Pompei e sono una persona seria... se Collana: Tascabili Bompiani 25 страница l'ho fermata, è stato perché mi sentivo solo e cercavo compagnia... vede: ho quattrini, la macchina, non mi manca nulla... proprio nulla... proprio nulla, salvo la compagnia di una ragazza come lei..." Dissi queste cose perché lei capisse chi fossi e quali fossero le mie intenzioni. Ma lei, tagliando corto: "Allora, dove andiamo di bello?" Arrischiai il nome di un ristorante, ma la vidi storcere la bocca: "Perché non andiamo fuori Roma? Per esempio a Fiumicino?"

"Fuori Roma? Con questo tempo?"

"È tanto bello... e poi c'è il mare... mangeremo il pesce." Pensai allora che la gita avrebbe servito Collana: Tascabili Bompiani 25 страница a rendere più facile la confidenza: forse lei me la proponeva apposta; e dissi: "Andiamo a Fiumicino." Intanto eravamo arrivati a piazza Cavour. Lei mi fece fermare davanti a un bar dicendo che doveva telefonare alla madre per avvertirla che non tornava a casa. Quindi tornò e mi informò ridendo: "Povera mamma... mi ha chiesto con chi stavo... le ho risposto: con Attilio... Ora penserа chi può essere Attilio." Tutta allegra si assestò, tirando su l'impermeabile; e ripartimmo.

Uscimmo da Roma per lo stradone della Magliana, lustro che pareva uno specchio, con un sole sfarzoso che faceva male agli Collana: Tascabili Bompiani 25 страница occhi. Ma al secondo chilometro il cielo si fece nero e cominciò a piovere a dirotto. Mentre il tergicristallo andava su e giù sul parabrise inondato, per ingannare il tempo, presi a parlare di me e delle mie aspirazioni. Fui confortato vedendo che lei mostrava di comprendermi. Disse: "Un uomo non può vivere solo come un cane... ha bisogno di compagnia, di affetto, di amore." Proprio così. E poi continuò: "Un uomo se non ha una donna a cui dedicarsi, perde la passione del lavoro... che gli serve di lavorare?"

"Giusto."

"Una donna" riprese "porta nella vita dell Collana: Tascabili Bompiani 25 страница'uomo qualche cosa di gentile, di affettuoso, qualche cosa che gli amici non possono dargli."

"A chi lo dice?"

"Gli uomini senza donne non sono uomini completi."

"Proprio quello che penso anch'io."

"Senza contare che in un momento di tristezza, di difficoltа soltanto la donna può consolare l'uomo, ridargli coraggio."

"Parole sante."

"Un uomo come lei" concluse "sa di che cosa ha bisogno? Di una ragazza buona e affettuosa che pensi più a lei che a se stessa... una ragazza che la capisca e magari sia anche capace di sacrificarsi." Insomma era così giudiziosa, così intuitiva, cos Collana: Tascabili Bompiani 25 страницаì assennata che mi sentivo tutto consolato: proprio quello che cercavo. Le domandai: "Ma lei come si chiama?"

"Gina."

Dissi: "Gina, sento che siamo fatti l'uno per l'altra;" e, pur tenendo il volante con una mano, con l'altra cercai sul sedile la sua. Ma lei: "Guida adesso... la mano me la stringerai a Fiumicino;" e mi tolse la mano. Però quel tu mi fece piacere, sebbene detto a mezza bocca e come per caso.

Intanto era tornato il sole, abbagliante, tra le nuvole nere e stracciate; e, passata la stazione della Magliana, prendemmo attraverso la campagna Collana: Tascabili Bompiani 25 страница, tutta verde e inzuppata, coi prati che luccicavano come stagni da tanta acqua che era caduta. La strada era deserta, salvo una topolino color caffelatte, con due uomini dentro, che ora ci passava e ora si lasciava passare, come se non avesse voluto perderci di vista. Dissi: "Ma che vogliono quei cornuti?" e spinsi a tutta forza il motore, lasciando indietro la topolino. Lei osservò, ridendo: "Sono due uomini senza donne... si divertono come possono, poveretti." Guardai la strada, vidi che la topolino non c'era più, e rallentai di nuovo.

Dopo quei prati allagati, la strada entrò in un bosco Collana: Tascabili Bompiani 25 страница. La pioggia e il vento avevano gettato sull'asfalto nero tante foglie gialle, rosse e brune, e anche il bosco era giallo, rosso e bruno; il sole brillava per il bosco, e tutte quelle foglie parevano d'oro.

Дата добавления: 2015-10-21; просмотров: 4 | Нарушение авторских прав


documentavrvgnx.html
documentavrvnyf.html
documentavrvvin.html
documentavrwcsv.html
documentavrwkdd.html
Документ Collana: Tascabili Bompiani 25 страница